Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Chi siamo
Il diritto alla vita di ogni essere umano, dal concepimento alla morte naturale, basato sull’assunzione della medesima dignità di ciascun essere umano. Il diritto, per ogni bambino, ad essere cresciuto ed educato, ove possibile, dai propri genitori, dalla propria madre e dal proprio padre, e il dovere per i genitori di essere responsabili dei propri figli. Il diritto di professare liberamente, in pubblico e in privato, la propria fede religiosa.

Si tratta di diritti umani fondamentali, probabilmente dei diritti senza i quali nessuno degli altri sarebbe concepibile. Diritti umani dal destino paradossale: riconosciuti formalmente e ufficialmente nelle maggiori Carte dei Diritti a livelli internazionale (Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, Carta Sociale Europea e così via), ma quasi sempre disattesi nelle concrete prassi politiche dei vari organismi nazionali e internazionali.

Non solo disattesi, ma traditi: sempre più spesso, si assiste alla promozione di “nuovi diritti umani” che nulla hanno a che fare con la concezione dei diritti umani secondo il diritto naturale, e che anzi diventano paradossalmente i maggiori ostacoli alla promozione e al rispetto dei diritti umani veri e propri.

“Nuovi diritti umani” come il cosiddetto “diritto all’aborto” o “alla dolce morte”, il presunto “diritto al matrimonio” per coppie composte da persone dello stesso sesso o il valore della “laicità” dello Stato, che si trasforma in vero e proprio “laicismo” intollerante nei confronti di chi esprime pubblicamente la propria fede religiosa. Diritti presunti, che non trovano spazio in nessuna carta dei diritti o dichiarazione internazionale, ma che si fanno sempre strada con la prassi politica e giudiziaria.

La Fondazione “Novae Terrae” vuole difendere i diritti umani concepiti nella prospettiva del diritto naturale, e operare per arginare il dilagare di “diritti insaziabili” essenzialmente inumani e distopici.

Dicono di noi
Fondazione Novae Terrae e le sue iniziative commentate da quotidiani e siti di informazione

Valori
Vita e dignità umana. Famiglia naturale. Libertà religiosa ed educativa. Il novero dei diritti umani difesi e promossi dalla Fondazione Novae Terrae
Queste Le Carte dei Valori cui aderisce Fondazione Novae Terrae

Iniziative
Il lavoro della Fondazione “Novae Terrae”: incontri pubblici, petizioni e progetti di ricerca

Partnership
Enti ed associazioni sostenute dalla Fondazione per la realizzazione di progetti concreti in tema di vita, famiglia, libertà religiosa e libertà di educazione

News
Uno spazio di informazione su temi dimenticati dai media generalisti, con contributi dello staff della Fondazione, editoriali ed articoli di cronaca


Le persone

Presidente
Emanuele Fusi


Consiglio di Indirizzo
Emanuele Fusi
Luca Volontè
Marco Antonini
Nicola Abalsamo
Gianfranco Amato
Stefano Vitale
Flavio Felice
Simone Pillon
Giuseppe Zola

Direttore Generale
Luca Volonté

Luca Volonté - bio

Laureato in Scienze Politiche nel 1993, ha seguito alcuni corsi dell’Accademia Superiore di Filosofia del Liechtenstein sotto la guida di Rocco Buttiglione, George Weigel, Michael Novak e Richard John Neuhaus. Dal 1996 al 2012 è stato parlamentare, prima per il Cdu e poi per l’Udc, del quale è stato capogruppo alla camera per otto anni. Dal 2010 è capogruppo del PPE  all’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, nel quale si è impegnato con successo, in collaborazione con numerose associazioni e fondazioni internazionali ed europee, per la promozione della Convenzione europea dei diritti umani. In particolare, si è impegnato su temi quali la promozione della famiglia, l’obiezione e il diritto alla libertà di coscienzae e religione, la dignità della vita umana, le politiche giovanili, la lotta alla povertà e la valorizzazione del volontariato. Nel novembre 2011 gli è stato assegnato il prestigioso riconoscimento internazionale “Scandinavian Human Dignity Prize”. Ha collaborato con diverse testate nazionali ed è autore di numerose pubblicazioni.